Tutti gli articoli di Staff

Come scegliere l’abito da sposo

Top guide di stile: 5 passi per capire come scegliere l’abito da sposo giusto.

Scuro, chiaro, di lana o di seta? A volte diamo per scontato che il look dell’uomo possa essere molto simile in tante occasioni diverse, dalle più eleganti a quelle meno formali. Al contrario, la cabina armadio maschile può rivelarsi un vero e proprio mix di stile, se scelta e organizzata con le giuste attenzioni, a partire dall’abito da sposo.

Ecco 5 consigli per scegliere il look dello sposo nel suo giorno più importante.

1. Scegliere il tessuto giusto in base alla stagione
La scelta del tessuto per l’abito da sposo potrebbe sembrare quasi banale, eppure esistono moltissimi modelli tra cui scegliere per ogni stagione. In generale, possiamo dire che:

• in inverno si può optare per la lana pura, la lana misto seta oppure misto mohair;
• in primavera possono ancora andar bene i tessuti misto seta;
• in estate, consigliamo invece il classico smoking;
• in autunno, tornano gli abiti a tre pezzi in misto lana e seta.

–> Scopri anche come scegliere l’abito delle damigelle!

2. Decidere il colore
Il colore dell’abito da sposo deve essere scelto in base a 2 fattori: la stagione e lo stile della giornata. Nelle stagioni più fredde, i colori più adatti sono i più scuri, come il nero e il blu notte. Nelle stagioni più calde, specie d’estate, il colore può essere invece più chiaro, come ad esempio un grigio antracite o un panna.

Per restare sul classico evergreen, si può optare per un tre pezzi blu cobalto con giacca, pantaloni e gilet. Sotto alla giacca, si abbina perfettamente una camicia bianca, con il colletto rigorosamente abbottonato fino all’ultimo bottone.

Se il matrimonio sarà particolarmente elegante, che la scelta dell’abito si orienti su un colore chiaro o scuro, consigliamo in ogni caso di valorizzare il look con con una giacca a tre bottoni sul davanti, a quattro bottoni sulla manica e con un solo spacco posteriore.

3. Abbinare l’abito alla location
Un altro grande segno di stile si vede nell’abbinamento dell’abito da sposo alla location della cerimonia e dei festeggiamenti.

Se ad esempio la location è d’epoca settecentesca, il vestito dello sposo non potrà che richiamare lo stile del tempo. Questo significa, prima di tutto, che l’abito della cerimonia dovrà essere diverso da quello dei festeggiamenti. Il primo può essere uno smoking nero, mentre il secondo potrà essere un tre pezzi blu cobalto con una giacca appuntata sui fianchi e una camicia in seta o di lino con le maniche a sbuffo.

Nelle stagioni più fredde, ideale anche un doppiopetto a due file di bottoni e un lungo cappotto scuro.

4. Personalizza un abito su misura
Perché acquistare un abito già preconfezionato per un’occasione tanto importante come quella del matrimonio? L’abito su misura toglie ogni dubbio e ogni incertezza, ma bisogna saperlo scegliere bene.

Per scegliere lo stile di un abito su misura, bisogna partire dallo stile del matrimonio: se è particolarmente elegante e formale, si può optare per lo smoking, oppure un abito a due pezzi con giacca monopetto e revers a lancia. Se invece l’atmosfera sarà più tranquilla, può andar bene anche una semplice monopetto a tre bottoni.

5. Accessori per dare un tocco di stile al look
Papillon, cravatta, gemelli o fiore all’occhiello? Ogni sposo che si rispetti sfoggia gli accessori giusti per completare il look del suo giorno più importante. Sceglierli è una questione di stile, ma anche di carattere: inutile optare per una cravatta se ci si sente un uomo da papillon, anche se entrambe le opzioni si «sposano» molto bene a situazioni eleganti come un matrimonio.

Il fiore all’occhiello è una prerogativa immancabile dello sposo. Può essere una spilla minimal e originale, con lavorazioni in tessuto e piccoli bottoni decorativi, da abbinare a un look inglese e moderno.

Nella versione più classica, un fiore bianco all’occhiello sdrammatizza il look in abbinamento a una piccola foglia di felce.

Sogni una villa per il tuo matrimonio? Contattaci e scopri i nostri servizi in offerta!

Segnaposto per un matrimonio originale

3 idee d’ispirazione per scegliere i segnaposto di un matrimonio originale.

Come rendere originale un matrimonio? Scegliendo con cura ogni più piccolo elemento: dal tema dei festeggiamenti allo stile delle decorazioni, dai colori degli ambienti alle musiche di sottofondo. Ma per rendere davvero unico il «look» di questa giornata, diventa ancora più importante la scelta di dettagli originali, che sappiano stupire e restare impressi nella memoria degli invitati.

Uno degli accessori che non può assolutamente mancare nella to-do-list degli sposi – e che spesso viene sottovalutato – è il segnaposto per gli invitati.

–> Scopri anche 5 idee per un addio al nubilato originale!

3 IDEE SEGNAPOSTO PER UN MATRIMONIO ORIGINALE

Immancabile, il segnaposto è il tocco di classe che completa la mise en place del tavolo che accoglierà per molte ore gli invitati. Per gli sposi che stanno organizzando il giorno del loro “Sì”, suggeriamo 3 idee per un segnaposto originale, perché del resto si sa: i dettagli più amati sono spesso quelli che si danno per scontati o si presume passino inosservati.

Targhette di carta decorate

In questo periodo in cui le tendenze sono orientate al green, all’ecologia e alla naturalità, le targhette di carta di riso o riciclata, decorate rigorosamente a mano, tornano alla riscossa, aggiudicandosi uno dei posti principali tra i segnaposto ai matrimoni. Per realizzarli basta davvero pochissimo: una bella carta fatta a mano abbinata ai colori predominanti del matrimonio, una scrittura morbida ed elegante, qualche piccolo adesivo dorato e il gioco è fatto!

Scatoline regalo

Se l’idea delle targhette segnaposto non vi convince o vi sembra troppo banale, l’upgrade può consistere nel confezionare un piccolo cadeau per gli ospiti. Da non confondere o sostituire alla classica bomboniera, il segnaposto può diventare una scatolina di carta colorata con il nome dell’invitato e contenere un oggetto significativo per la coppia, in linea con il tema scelto per il matrimonio: un fiore, una spilla, una medaglietta incisa o magari una conchiglia raccolta nella spiaggia in cui vi siete conosciuti.

Topper in legno

Gli amanti del Shabby Chic e dello stile Country, troveranno sicuramente d’impatto i topper in legno che possono essere incisi con i nomi degli invitati oppure, per chi ha poco tempo, decorati con un bel pennarello dorato o argentato, calligrafia corsiva ed elegante e il gioco è fatto. Ideale per le ambientazioni ricche di fiori, piante verdi, candele e altri elementi naturali.

Sogni una villa per il tuo matrimonio? Contattaci e scopri i nostri servizi in offerta!

Che cos’è il matrimonio misto?

Tutto quello che bisogna sapere sulla regolamentazione del matrimonio misto in Italia.

Negli ultimi anni, grazie soprattutto alla facilità con cui ognuno di noi può scegliere di partire per un viaggio anche molto lungo in tutto il mondo, è notevolmente aumentata la percentuale delle relazioni tra persone di culture diverse e, di conseguenza, anche quella dei matrimoni misti.

Con il termine «matrimonio misto», in Italia, si intendono proprio le cerimonie matrimoniali celebrate tra una persona cattolica e una persona di un’altra religione, oppure non credente.

–> Scopri anche chi può celebrare una cerimonia civile!

In Italia, il matrimonio misto è legale?
Nel nostro Paese, il matrimonio misto è stato regolamentato nel 1970 da Papa Paolo VI e nel 1983 è stato certificato all’interno del Codice di Diritto Canonico. Questo tipo di cerimonia può quindi essere svolta in Chiesa seppur con delle limitazioni e modifiche rispetto alla classica celebrazione.

Le condizioni per il futuro
Al momento dell’accettazione del contratto matrimoniale, il futuro coniuge di religione diversa da quella cattolica o non credente deve obbligatoriamente promettere di non ostacolare in alcun modo il credo dell’altro né quello dei figli, oltre ad accettare i valori del matrimonio e il desiderio di avere dei figli.

Mai e in alcun modo il Codice di Diritto Canonico prevede la conversione alla religione cattolica da parte del futuro coniuge non credente o di credo diverso.

Le differenze tra matrimonio religioso e matrimonio misto
Il matrimonio misto può essere celebrato in Chiesa, con l’unica differenza che la parte non credente o di religione diversa non sarà tenuta a partecipare al sacramento dell’eucarestia. Restano obbligatorie le regole tipiche del matrimonio cattolico: dalla pubblicazione della promessa, alla partecipazione ad un corso prematrimoniale, alla scelta di almeno due testimoni.

Il coniuge non cattolico deve riconoscere l’indissolubilità del legame matrimoniale e firmare una dichiarazione in cui afferma di aver compreso che il matrimonio è esclusivo, unico e perpetuo.

A discrezione del Comune e della Diocesi di appartenenza, il rito del matrimonio misto può essere leggermente modificato in alcune parti, previo consenso dell’autorità che guiderà la cerimonia.
Durante lo scambio degli anelli, la parte non cattolica, utilizzerà una formula differente da quella comune, in cui Dio e la religione cattolica non sono citati.

La parte conclusiva che prevede la firma dei neosposi e dei testimoni, rimane invece invariata perché rientra nella formula condivisa tra Chiesa e Stato.

Sogni una villa per il tuo matrimonio? Contattaci e scopri i nostri servizi in offerta!

Una grande promozione per il tuo matrimonio in Villa Veneta

Sconti fino al 40% sulle ultimissime 20 date disponibili se hai scelto di sposarti entro Maggio 2019: scopri tutti i dettagli della nostra nuova e imperdibile promozione per il tuo matrimonio in Villa Veneta Ca’ Marcello.

Villa Ca’ Marcello è un’antica residenza privata per matrimoni ed eventi che si trova a Piombino Dese, tra Padova e Treviso. Lo stile palladiano della dimora si inserisce in una cornice naturale caratterizzata da un giardino all’italiana e uno all’inglese, un parco secolare con alberi, statue di creature fantastiche e piccoli animaletti selvatici che abitano il verde circostante.

Oggi, Villa Ca’ Marcello riserva una grande promozione per chi sceglie di sposarsi entro maggio 2019: sulle ultimissime 20 date disponibili, sconti fino al 40%! È il momento giusto per realizzare il sogno di festeggiare il tuo matrimonio in Villa Veneta.

–> Scopri la nostra promozione per il tuo matrimonio in villa veneta!

I servizi di Villa Ca’ Marcello
Chi sceglie di sposarsi in Villa Ca’ Marcello potrà usufruire della location per tutta la giornata: due giardini, un parco storico, ambienti finemente arredati e il parcheggio da 130 posti, per dare la giusta accoglienza e intrattenere in una cornice da sogno, tutti gli invitati al ricevimento.

Una residenza storica da favola
Al piano nobile, l’ampio salone da ballo completamente affrescato, può ospitare da solo fino a 160 invitati, ma la dimora è composta da altre stanze d’epoca, perfettamente curate e arredate, che consentono di accogliere fino a 200 persone.

Illumina la notte con il Light Design
Grazie al nuovo servizio di light design, puoi rendere l’atmosfera ancora più romantica e suggestiva: stupisci i tuoi invitati componendo giochi di luce all’interno e all’esterno della villa con colori, intensità e disposizioni personalizzabili.

Sconti fino al 40% sulle ultime 20 date!
Sogni di sposarti in una location unica e di vivere un giorno indimenticabile? Scopri l’offerta per il tuo matrimonio in Villa Veneta: entro maggio 2019, ti aspettano sconti fino al 40% sulle ultimissime 20 date disponibili.

Celebra il tuo amore in Villa Ca’ Marcello!

Sogni una villa per il tuo matrimonio? Contattaci e scopri i nostri servizi in offerta!