Tutti gli articoli di Staff

Wedding cake alla frutta

6 wedding cake alla frutta a cui ispirarsi per un matrimonio estivo.

Dalla cheescake alla torta allo yogurt, dall’involtino ripieno alla cascata di pasticcini: 6 wedding cake alla frutta estive, fresche e leggere amate da tutti, grandi e bambini.

La cheescake 

La cheescake è un classico per tutte le feste, soprattutto per quelle estive. La frutta, in questo caso, si limita al topper, dando però un tocco di gusto e di eleganza a tutta la composizione.

> Scopri anche le canzoni per il taglio della torta di matrimonio!

L’involtino
Per cambiare le regole, per chi ama la semplicità, l’involtino di pan di spagna con ripieno di frutta a piacere è perfetto in ogni occasione. Anche l’involtino si presta a essere decorato con topper particolari e, ovviamente, con lo zucchero a velo.

La torta allo yogurt
In estate, le torte prediligono ingredienti leggeri e freschi. La torta allo yogurt, decorata con frutta a piacere e di stagione, è perfetta per tutti gli invitati: dai bambini ai nonni.

La crostata alle pesche con panna e amaretti
La crostata è una torta più autunnale, ma con la farcitura di frutta fresca si presta a tutte le tavolate e in ogni stagione. Per renderla ancora più gustosa, si può aggiungere a parte un fiocco di panna o di crema al cioccolato e un amaretto.

La cascata di pasticcini
Chi l’ha detto che a un matrimonio si debba per forza offrire una torta? Molte nuove coppie scelgono invece una soluzione più pratica che lascia libertà a tutti: la cascata di pasticcini. Decorati con la frutta di stagione diventano un ottimo dessert con cui far partire le danze.

Mini-tortini alle fragole
Una sola fetta di torta non è per tutti, c’è anche chi sogna una torta tutta per sé. Pensato ovviamente in versione ridotta, il mini-tortino è uno strappo alla regola che mette in discussione le classiche tradizioni delle festività. Nella versione con pasta sfoglia, crema e fragole, chiude in bellezza qualsiasi pranzo o cena estiva.

Stai cercando una location per il tuo matrimonio? Contattaci e scopri i nostri servizi!

Come realizzare bomboniere di nozze fai da te

Bomboniere di nozze fai da te per il matrimonio handmade perfetto.

Chi sceglie di realizzare delle bomboniere di nozze fai da te sceglie di donare agli invitati un pezzetto della propria storia, del proprio tempo libero e un ricordo originale e unico. In questo articolo proponiamo quattro ispirazioni diverse per coppie che amano la natura, lo stile, i legami del cuore e la spensieratezza.

La bomboniera vintage
La bomboniera vintage ricorda un po’ le pasticcerie anni ’70, tutte rosa fragola e bianco panna, ed è una delle più semplici da realizzare: bastano una scatoletta di carta (meglio spessa e ruvida) e un fiocco del colore preferito o dello stesso colore dei confetti. Per dare un tocco di stile alla composizione, si può sostituire il classico velo di tulle con uno stampino in ceramica che conterrà in maniera elegante i confetti.

> Scopri anche come organizzare un matrimonio fai da te!

La bomboniera in vetro
Questa bomboniera, invece, è perfetta per chi ama riciclare e rispetta l’ambiente. Per realizzarla basta recuperare dei vasetti in vetro, anche di forme e di dimensioni diverse, e scegliere dei confetti particolari da mettere in bella vista. Per un risultato trendy, noi consigliamo confetti rosa e bianchi abbinati a perline di cioccolato argentate.

Il tocco in più, in questo caso, si può ottenere legando un filo di corda al coperchio del barattolo e applicarci un bigliettino scritto a mano o un cartellino inciso con la data del matrimonio, i nomi degli sposi e una frase particolarmente significativa.

La bomboniera in carta
Anche questa bomboniera sfrutta la carta, ma richiede decisamente più manualità di quella vintage. Il risultato, però, è molto particolare in quanto la parte superiore ricrea la forma di una stella. Messe insieme, queste bomboniere danno vita a un cielo stellato che simboleggia l’importanza dei legami e degli affetti.

La bomboniera a fiore
Questa bomboniera di nozze fai da te, invece, dona un tocco spensierato di colore al fatidico giorno del sì. Semplice e ideale da preparare insieme ai bambini: bastano della carta trasparente per alimenti, del fil di ferro per creare il gambo del fiore e della carta crespa verde per ricoprirlo.

Stai cercando una location per il tuo matrimonio? Contattaci e scopri i nostri servizi!

Come chiedere il congedo matrimoniale per le seconde nozze

La guida aggiornata al 2017 per capire come chiedere il congedo matrimoniale per le seconde nozze.

Il nostro Paese prevede, per tutti i cittadini lavoratori e residenti in Italia, un periodo di astensione retribuita dal lavoro in caso di matrimonio. Questo periodo ha una durata di 15 giorni continuativi e permette a una nuova coppia di festeggiare e di godersi sia il proprio matrimonio sia il proprio viaggio di nozze.

Il congedo matrimoniale può essere chiesto e concesso anche in caso di seconde nozze, a patto che il rito abbia valore civile e non sia prettamente simbolico o religioso. Inoltre, può essere richiesto solo da lavoratori assunti (non in prova) da più di una settimana.

Come richiederlo? Vediamo insieme la procedura esatta da avviare per beneficiare del congedo matrimoniale retribuito.

> Scopri anche quali sono i documenti per sposare un cittadino straniero!

CONGEDO MATRIMONIALE: LA PROCEDURA
La procedura prevede la compilazione di un modulo INPS apposito che deve essere consegnato al proprio datore di lavoro almeno 60 giorni prima della fruizione del congedo. Insieme al modulo va presentato anche il certificato di matrimonio.

L’INPS prescrive poi che «se non è possibile produrre la certificazione nei termini, si può presentare un certificato rilasciato dall’autorità religiosa o una dichiarazione sostitutiva autenticata, purché successivamente si provveda a consegnare la documentazione prescritta».

Il rimborso previsto sarà versato per metà dall’INPS e per metà dal datore di lavoro. È prevista una procedura anche per i disoccupati da meno di 90 giorni o per chi svolge lavori non impiegatizi, come ad esempio i lavoratori a domicilio.

In questi casi, è possibile chiedere l’assegno per il congedo matrimoniale per le seconde nozze inviando documentazioni specifiche a seconda della situazione.

Stai cercando una location per il tuo matrimonio? Contattaci e scopri i nostri servizi!

Come scegliere i testimoni per le nozze civili

Quanti devono essere? Perché sono necessari? E come scegliere i testimoni per le nozze civili?

Anche chi sceglie di sposarsi con il rito civile, quindi non religioso, presso una sede comunale e in presenza di un’autorità, deve necessariamente presentarsi in compagnia di testimoni sia per la sposa sia per lo sposo. Esattamente come funziona in Chiesa, dunque, ma con delle variazioni.

Innanzitutto, la presenza dei testimoni è fondamentale per testimoniare l’accettazione volontaria e completa di tutti gli atti da parte di entrambi gli sposi. Anche loro, infatti, alla fine della cerimonia dovranno compilare e firmare l’atto di matrimonio e suggellare il patto tra le parti.

> Scopri anche che cosa regalare ai testimoni di nozze!

Che cosa dice la legge
«Nel giorno indicato dalle parti l’ufficiale dello stato civile, alla presenza di due testimoni, anche se parenti, dà lettura agli sposi degli articoli 143, 144 e 147; riceve da ciascuna delle parti personalmente, l’una dopo l’altra, la dichiarazione che esse si vogliono prendere rispettivamente in marito e in moglie, e di seguito dichiara che esse sono unite in matrimonio. L’atto di matrimonio deve essere compilato immediatamente dopo la celebrazione» (art. codice civile n. 107)

Quanti testimoni servono?
Diversamente dal classico matrimonio religioso, però, il matrimonio civile permette la presenza di soli due testimoni: uno per lo sposo e uno per la sposa, non di più.

Come scegliere i testimoni per le nozze civili?
La scelta, naturalmente, è libera e soggettiva. Ogni persona può liberamente scegliere di coinvolgere la persona più cara e che ritiene più adatta, come ad esempio un amico importante oppure un familiare.

Anche se la legge prevede la presenza ufficiale di soli due testimoni, gli sposi possono tuttavia coinvolgere altri «testimoni simbolici», che non avranno alcun ruolo dal punto di vista burocratico, ma presenzieranno alla cerimonia vicini agli sposi.

Stai cercando una location per il tuo matrimonio? Contattaci e scopri i nostri servizi!